Associazione Davide Lajolo Onlus

davidelajolo

La vita di Davide Lajolo

Breve biografia

Davide Lajolo come il partigiano UlisseDavide Lajolo nasce a Vinchio il 29 luglio 1912, "nella stagione del grano biondo", da una famiglia contadina. Al suo paese rimarrà sempre legato e lo renderà un luogo letterario attraverso i suoi racconti.
Segue gli studi classici in collegi salesiani, ma per il suo carattere ribelle viene espulso e frequenta l'ultimo anno al Liceo Plana di Alessandria, dove entra in contatto con alcuni giovani dei Gruppi universitari fascisti. Frequenta il corso ufficiale e, con il grado di tenente dell'esercito italiano, partecipa alla guerra di Spagna, mandando delle corrispondenze a "Il popolo d'Italia"..

Nel 1938 trova lavoro a Ancona, dove collabora a Il Corriere adriatico, alla Sentinella adriatica e alla rivista di poesia Glauco. Nel 1939 si sposa con Rosetta Lajolo e nel novembre 1942 nasce la figlia Laurana, a cui dedica un'intensa poesia che si conclude con questi versi "Tu nata d'autunno a fare primavera". Pubblica un libro sulla guerra di Spagna Bocche di donne e di fucili (1939) e due libri di poesia Nel cerchio dell'ultimo sole (1940) e Ponte alla voce (1943).

Viene richiamato durante la seconda guerra mondiale e combatte in Grecia, Jugoslavia e Albania. Anche sui campi di battaglia, continua a scrivere, soprattutto poesie di rifiuto della morte e della guerra e di fedeltà ai giovani commilitoni caduti. Compone poesie lungo tutto la sua vita, che vengono pubblicate postume dalla figlia con il titolo Quadrati di fatica (2005).

Ritornato a Vinchio, dopo l'8 settembre 1943, prende la tormentata decisione di "voltare gabbana" e di organizzare la guerriglia partigiana sulle sue colline, assumendo Ulisse come nome di battaglia.
Diventa capo di stato maggiore della VIII e IX Divisione Garibaldi del basso Monferrato. Subito dopo la Liberazione scrive della sua partecipazione alla Resistenza in "Classe 1912" (1945), ristampato nel 1975 e nel 1995 con il titolo "A conquistare la rossa primavera" .

All'inizio di maggio del 1945 diventa caporedattore a L'Unità di Torino. Dal 1948 al 1958 è direttore de L'Unità di Milano >> Vedi la gallery, durante il periodo più duro della guerra fredda.
Fa diventare il quotidiano di partito un giornale popolare a larga diffusione, che si occupa anche di argomenti culturali e sociali.
Dà molta importanza alla terza pagina, a cui collaborano scrittori, poeti, artisti come Picasso, Quasimodo, Guttuso, Aleramo, Pavese e molti altri, privilegiando l'aspetto letterario a quello strettamente ideologico di partito. Apre le colonne del giornale alla cronaca e alle inchieste sociali.
Pubblica la pagina settimanale della donna e dà spazio a Gianni Rodari nella "Domenica dei piccoli".
Nel 1952 inizia le pubblicazioni anche al lunedì con ampio spazio allo sport. Ogni giorno scrive un corsivo firmato con lo pseudonimo da partigiano. Interviene spesso su questioni politiche e sui temi dell' arte e della letteratura. Il mestiere di giornalista è la sua passione, sintetizzata in questa frase: Passo le notizie per il giornale di domani. E' come se potessi sgranare il mondo con le dita.
Rimarrà sempre legato al mondo del giornalismo, fondando il giornale sportivo Il campione, dirigendo negli anni '70 Giorni-Vie Nuove, collaborando assiduamente a quotidiani e settimanali.
Per molti anni è condirettore con Giancarlo Vigorelli della rivista Europa letteraria.

Davide Lajolo come il partigiano UlisseNel 1958 viene eletto deputato per il partito comunista e lo è per tre legislature, assumendo anche la responsabilità di questore della Camera dei Deputati e membro della Commissione di vigilanza sulla RAI-TV. Nel 1965 fa parte con Sandro Pertini della Commissione per l'acquisto di opere d'arte contemporanea, che incrementa il patrimonio della Camera dei Deputati. Continua il suo impegno politico, conducendo con determinazione la battaglia per il "socialismo dal volto umano".

Nel 1960 dà alle stampe la fortunata biografia di Cesare Pavese, Il vizio assurdo, tradotto in molte lingue(1974).
Scrive con passione i suoi libri più noti: Il voltagabbana (1963), Come e perché (1968), I Rossi (1974), Finestre aperte a Botteghe oscure (1975), I mè (1977), Veder l'erba dalla parte delle radici (Premio Viareggio per la letteratura 1977), le biografie di Fenoglio Un guerriero di Cromwell sulle colline delle Langhe (1978) e di Di Vittorio Il volto umano di un rivoluzionario (1979). Pubblica Conversazione in una stanza chiusa con Mario Soldati (1980), Conversazione in una stanza chiusa con Leonardo Sciascia (1981), Conversazione in una stanza chiusa con Piero Chiara (1982). In Ventiquattro anni Diario di un uomo fortunato (1981) ricorda le fasi salienti della suo impegno politico e culturale dal 1945 al 1969 e gli incontri con le personalità più importanti del suo tempo, Pertini e i giovani (1983), Il merlo di campagna e il merlo di città (1983). L'ultimo suo libro è Gli uomini dell'arcobaleno (1984) , dedicato ai suoi amici pittori. Svolge un'intensa attività di consulente editoriale per le case editrici Rizzoli, Sperling e Kupfer, Frassinelli.

Chiude la sua vita, vissuta come un'epopea a Milano il 21 giugno 1984. É sepolto nel cimitero di Vinchio nella tomba di famiglia, che porta l'iscrizione, voluta da lui, "Dignità nella vita serenità nella morte"

Biography ENGLISH

News

10/06/2016

Inaugurazione 19 giugno, ore 16 IL BOSCO INCANTATO.

Comunicato stampa

more

03/05/2016

Laurana Lajolo al TG3Piemonte per la Collezione Davide Lajolo

RAI3, 6 maggio 2016, ore 19.35

more

24/04/2016

Inaugurazione Art '900 - 100 opere della Collezione d'arte contemporanea di Davide Lajolo

il 24 Aprile 2016 si è inaugurata a Palazzo Crova la mostra permanente "Art'900 - 100 opere della Collezione d'arte contemporanea di Davide Lajolo"

more

09/04/2016

Inaugurazione nuova biblioteca di Nizza

Il Comune di Nizza Monferrato ha intitolato la sala di lettura della nuova biblioteca Umberto Eco a Davide Lajolo, primo cittadino onorario della città. Vedi targa e motivazioni

more

16/03/2016

Assemblea dei soci dell’Associazione

DOMENICA 20 marzo 2016, ORE 16.00

more